On. Rita Bernardini: “Alfano intervenga sul gip Morgigni”




Con una interrogazione parlamentare rivolta al ministro della Giustizia Alfano, secondo quanto riporta l’agenzia di stampa Agi, il deputato radicale Rita Bernardini ha chiesto di intervenire in merito “al mantenimento del ruolo di gip di Roma, Aldo Morgigni relativamente all’inchiesta Telecom Sparkle – Fastweb”.




L’on. Bernardini sottolinea come “Morgigni stia continuando ad occuparsi della sola inchiesta Telecom-Fastweb, pur trattandosi di un fascicolo precedentemente assegnato al gip Paolicelli, rientrata nel frattempo a pieno titolo nelle sue funzioni”. Si tratta di un episodio che aveva già spinto nei giorni scorsi la Camera Penale di Roma a scrivere una articolata lettera al Presidente della Corte d’Appello di Roma per chiedere “il ripristino della legalità, con il ritorno del fascicolo al suo giudice naturale”.


Il deputato radicale si rivolge, pertanto, al ministro Alfano chiedendo se non “intenda attivare i propri poteri ispettivi presso il Tribunale e la Corte di Appello di Roma e, nel caso ne sussistano i presupposti, promuovere le iniziative di competenza”.


13 Commenti a “On. Rita Bernardini: “Alfano intervenga sul gip Morgigni””

  • Cesare:

    in pratica si registrano (quasi) più interrogazioni parlamentari che convegni sulla banda larga.

    Di fatto un numero consistente di prese di posizione formali a cui fa seguito un altrettanto inconsistente risultato.

    Ci si domanda a questo punto, dato che in Italia abbiamo un Governo, un Guardasigilli, un’Associazione Industriali, dove i primi – hanno il preciso dovere di fare rispettare l’applicazione delle leggi – ed i secondi – dovrebbero appoggiare le Industrie che creano Innovazione.

    Non è che dopo quasi cinque mesi in cui (ap)pare seguita la formula delle note tre scimmiette (non vedo, non sento non parlo), ora si aggiunga anche il quarto stato (sono in ferie) e si rimanda tutto a settembre?.

  • Talita:

    Purtroppo la signora Bernardini ha dimenticato di consigliare al ministro Alfano una visita preventiva da un bravo otorinolaringoiatra.

    Al fine di valutare lo stato del suo udito e diagnosticare se si tratti di ipoacusia temporanea o di sordità congenita.

    Oppure di apatia: imposta dal noto detto “Chi tocca i fili muore”.

Lascia un Commento

Newsletter
Iscriviti alla newsletter di silvioscaglia.it




ebook il caso scaglia

Perché un blog?

“Questo Blog è dedicato alla figura di Silvio Scaglia, imprenditore ed innovatore, protagonista di start up (Omnitel, Fastweb, Babelgum) oggi impegnato in nuove sfide come il rilancio de La Perla, marchio storico del made in Italy. E' un luogo di informazione e di dibattito per tutti gli stakeholders (dipendenti, collaboratori, clienti) ma anche comuni cittadini che hanno seguito le vicende in cui Scaglia, innocente, si è trovato coinvolto fino alla piena assoluzione da parte della giustizia italiana.” - Stefania Valenti, Chief Executive Officer Elite World