Scaglia story by Vincino: perché la giustizia in Italia è così lenta?


Il cronometro segna 172 giorni di “custodia cautelare” per Silvio Scaglia: prima a Rebibbia, poi “murato vivo” (tuttora) nella sua casa di Antagnod. Ora il “giudizio immediato”, che richiede la “prova evidente” che però non c’è. Altri due mesi e mezzo di attesa, prima di poter dimostrare la propria innocenza.


Intanto la Cancelleria dei gip lavora a “scannerizzare” tutte le carte per inviare le notifiche ai difensori degli indagati. Per legge deve farlo almeno 30 giorni prima dell’udienza fissata il 2 novembre, quindi entro e non oltre il 1° ottobre.


Ma perché la giustizia in Italia è così lenta? Dì la tua.



 

 

8 Commenti a “Scaglia story by Vincino: perché la giustizia in Italia è così lenta?”

  • Bruno:

    Sentivo l’altro giorno l’appello di una madre la cui figlia 14enne è scappata da una comunità-famiglia dove era stata collocata per evitarle contatti con un ragazzo molto più grande di lei del quale si era innamorata.
    La madre ha lamentato che non riescono a cercare di avviare delle indagini per capire di più sulla sua figa e sul dove potrebbe essere, in quanto essendo il PM in ferie, non è possibile avviare accertamenti sul computer della ragazza e via dicendo.
    Questa per sommi capi la vicenda.
    L’autonomia di queste persone è tale che tutto si blocca nella pausa feriale.
    Nessuno che prende l’iniziativa con il buon senso.
    Immagino facce costernate in procura e braccia allargate “non possiamo fare nulla”.
    In un ideale fumetto di Vincino quelle parole sarebbero sostituite da “non VOGLIAMO fare nulla”..:(
    Questo è un altro spaccato delle ‘giustizia’.

  • Cesare:

    …Roma…. poco di meno di 140 anni dalla breccia di Porta Pia, eppure è ancora di estrema attualità l’assunto: ” mantenete-li poveri ed ignoranti ”

    Perchè allora non recludere i rivoluzionari che con le loro idee ed imprese hanno osato creare gli strumenti per velocizzare i processi (informativi) e rendere le informazioni trasparenti e disponibili?.

    Che dire, ci prepariamo ad emettere un francobollo per celebrare la restituzione di ing. Scaglia al mondo ed alla comunità internazionale che sta lavorando per il progresso e lo sviluppo?.

  • Bruno:

    Perchè? perchè la tanto decantata informattizzazione non è ancora avvenuta a livello di certe persone. SE tutto fosse già stato redatto su supporto informatico fin dall’inizio, compresi allegati e prove raccolte qui e là, non ci sarebbe da fare alcuna scannerizzazione OGGI, ma sarebbe già avvenuta a suo tempo. Man mano che venivano raccolti i dossier (trovo difficile usare il sostantivo “prova” in questo argomento). Invece amano il sistema borbonico….. Questo significa anche che sino ad ora, nei vari gradi di riesami ecc, nessuno ha messo mano….:(

  • giovanni:

    E’ lenta anche perchè vi sono magistrati neghittosi ed incapaci che scarican o l’onere del loro lavoro sulle segreterie quando non addirittura sulla Polizia Giudiziaria (che, in molte Procure, si limita a svolgere compiti di segreteria dei PM). Nel caso romano si tratta di una giustizia in cui gli strumenti di massima garanzia (Cassazione) sono più lenti delle iniziative abnormi della Procure, a fronte di un ruolo di supina rinunzia dell’Ufficio GIP e di quello del Riesame al loro ruolo di “filtro di garanzia”. Insomma, un sacco di gente cui lo stato paga lo stipendio senza che ve ne sia alcuna utilità.
    Ma le procure hann o una colpa maggiore! Loro, oltre al ruolo di garanzia nella valutazione ed indirizzo delle indagini (che le dovrebbe condurre a compiere anche indagini a favore degli indagati) hanno anche il compito di non sprecare i soldi dei cittadini impiegando la macchina giudiziaria in procedimenti che ictu oculi sono privi di fondamento nei confronti di talune persone. Negli Stati Uniti, dove i Procuratori sono eletti dalla gente, chi spreca i soldi se ne va a casa e, se ha fortuna, fa l’avvocato.
    Ecco, perchè non prevedere anche in Italia almeno il licenziamento di quei magistrati che, in un periodo di osservazione predefinito, provocano più di un tot di “danni” allo Stato?

  • claudio:

    E’ lenta perchè fa comodo a tutti, a partire da politici e magistrati, tranne che agli innocenti. Leggetevi il libro “In attesa di giustizia” di Carlo Nordio e Giuliano Pisapia

Lascia un Commento

Newsletter
Iscriviti alla newsletter di silvioscaglia.it




ebook il caso scaglia

Perché un blog?

“Questo Blog è dedicato alla figura di Silvio Scaglia, imprenditore ed innovatore, protagonista di start up (Omnitel, Fastweb, Babelgum) oggi impegnato in nuove sfide come il rilancio de La Perla, marchio storico del made in Italy. E' un luogo di informazione e di dibattito per tutti gli stakeholders (dipendenti, collaboratori, clienti) ma anche comuni cittadini che hanno seguito le vicende in cui Scaglia, innocente, si è trovato coinvolto fino alla piena assoluzione da parte della giustizia italiana.” - Stefania Valenti, Chief Executive Officer Elite World