Da oggi la matita di Vincino racconta il caso Scaglia

SCENA N.1: MA DOVE STA IL RISCHIO DI FUGA?


Da oggi il nostro (e vostro) blog ospita un nuovo, prestigioso collaboratore:Vincino, uno dei più noti esponenti della satira italiana, che da decenni con le sue vignette  commenta la realtà italiana con ironia graffiante. Vincino ha accettato volentieri di raccontare per noi le disavventure  di Silvio Scaglia, in regime di custodia cautelare da oltre 150 giorni senza che sia emersa una sola prova a suo carico. Ma, ancor prima di entrare nel merito delle contestazioni, Vincino ha voluto interrogarsi sul perché Scaglia, dopo novanta giorni di carcere, debba restare  ancora agli arresti domiciliari.


Vincino X silvioscaglia.it: Pericolo di Fuga


Non sussistono, con tutta evidenza, motivazioni per negargli la piena libertà, almeno sulla base delle motivazioni previste dal codice di procedura penale: a) non c’è pericolo di fuga, dato che Scaglia è rientrato dall’estero alla prima notizia delle indagini; b) non c’è rischio di inquinamento delle prove, dato che i fatti, ampiamente investigati, risalgono ad almeno tre anni fa o più; c) non esiste, infine, il rischio di reiterazione del  reato, non fosse che per il fatto che Scaglia non ha più rapporti con Fastweb.


Basta così. Convinti come siamo della superiorità, per efficacia ed immediatezza, dell’immagine sulla parola scritta vi lasciamo alla matita di Vincino.



14 Commenti a “Da oggi la matita di Vincino racconta il caso Scaglia”

Lascia un Commento

Newsletter
Iscriviti alla newsletter di silvioscaglia.it




ebook il caso scaglia

Perché un blog?

“Questo Blog è dedicato alla figura di Silvio Scaglia, imprenditore ed innovatore, protagonista di start up (Omnitel, Fastweb, Babelgum) oggi impegnato in nuove sfide come il rilancio de La Perla, marchio storico del made in Italy. E' un luogo di informazione e di dibattito per tutti gli stakeholders (dipendenti, collaboratori, clienti) ma anche comuni cittadini che hanno seguito le vicende in cui Scaglia, innocente, si è trovato coinvolto fino alla piena assoluzione da parte della giustizia italiana.” - Stefania Valenti, Chief Executive Officer Elite World